Operatore certificato per analisi vibrazionale

SND Industriale Civile offre ai propri clienti la professionalità di un operatore qualificato ISO 18436-2 di terzo livello per svolgere analisi vibrazionali su impianti e macchinari industriali e redarre piani di controllo.

La norma ISO 18436-2

Questa norma è relativa al condition monitoring (in italiano manutenzione secondo condizione) e alla diagnostica delle macchine. Più precisamente tratta quali sono i requisiti necessari e la valutazione del personale addetto ai controlli di tipo vibrazionale.

I livelli di qualifica sono quattro.

  • Categoria I: operatori. Abilitati all’utilizzo delle apparecchiature specialistiche per l’esecuzione delle analisi.
  • Categoria II: tecnici in grado di classificare e interpretare i risultati dell’analisi. Possiedono inoltre le conoscenze per raccomandare azioni correttive.
  • Categoria III: tecnici abilitati all’organizzazione di piani di controllo oltre che all’addestramento del personale.
  • Categoria IV: l’ultimo livello comprende personale altamente qualificato, con solide conoscenze matematiche e fisiche, in grado di diagnosticare e risolvere problemi complessi.

Analisi delle vibrazioni, tecnico qualificato di categoria III

Nell’analisi vibrazionale, come in ogni tipo di controllo non distruttivo, è importante affidarsi ad operatori specializzati e con esperienza. Di seguito riportiamo alcune delle conoscenze che deve possedere un tecnico di categoria III,  secondo la norma ISO 18436-2

  • progettare, dirigere e stabilire programmi di monitoraggio condizionale ordinari e indagini straordinarie per analizzare i guasti
  • capacità di specificare la strumentazione hardware, software e di processo per sistemi di monitoraggio portatili, sistemi di sorveglianza permanente ed equipaggiamento di protezione
  • approfondita conoscenza dei principi e delle tecniche di valutazione dei guasti, capacità di individuarne le cause utilizzando spettri di frequenza, funzioni di trasferimento ecc.
  • capacità di gestire programmi di monitoraggio, individuare e settare le condizioni di avviso, scrivere procedure di lavoro e specificare l’accettabilità dei test vibrazionali
  • validazione delle azioni correttive sulle macchine
  • raccomandare restrizioni all’operatività dei macchinari
  • comprendere e individuare, se necessario, tecnologie alternative di monitoraggio per verificare o approfondire le problematiche emerse durante i controlli di routine
  • capacità di istruire il personale di categoria I e II

La categoria II, inferiore alla III, deve possedere le seguenti conoscenze:

  • Tecnologie di monitoraggio condizionale: analissi all’infrarosso (termografia), analisi dei lubrificanti, emissioni acustiche, funzionamento di motori, analisi dell’attrito
  • Funzionamento di macchine
  • Come selezionare il punto migliore per effettuare misure corrette e ripetitibili
  • Conoscenza relative a vibrazioni, spettri, forme d’onda, inviluppo, misure di fase…
  • Malfunzionamenti comuni e diagnosi: non bilanciamento, eccentricità, disallineamento, deformazioni, danneggiamento dei cuscinetti, rotture di organi di trasmissione, risonanza ecc.
  • Individuazione dei livelli di allarme secondo le specifiche delle varie macchine
  • Come bilanciare e allineare i macchinari e correggere i problemi di risonanza
Contattaci

Per informazioni e preventivi gratuiti

tel: +39 333 491 2207
Contattaci